Care ragazze

                                                                                                                                               Cari ragazzi

 Un pensiero a voi che vi approcciate agli esami di Stato dove, sono sicura,  darete prova di grande maturità. La mia certezza nasce dal modo in cui vi siete misurati con un anno scolastico unico e con una didattica che ha richiesto tutto il vostro “ESSERE GRANDI” .

Mi viene in mente quel che affermava il poeta Fernando Pessoa: “Per essere grande sii intero: non esagerare e non escludere niente di te. Sii tutto in ogni cosa. Metti tanto quanto sei, nel minimo che fai, come la luna in ogni lago tutta risplende, perché in alto vive”.

Siete stati “grandi” nel gestire le difficoltà di una didattica nuova, lo sarete altrettanto nella prova d’esame che affronterete nei prossimi giorni, al di là della votazione che riuscirete a ottenere, perché sarete fortemente consapevoli dei processi che avete attivato insieme ai docenti per conseguire i risultati sperati.

La maturità quest’anno riguarderà anche il livello di gestione della nuova didattica, della capacità da voi dimostrata nel mettervi in gioco, comunque e sempre, pur nelle difficoltà poste dalla pandemia.

Avrete una marcia in più rispetto ad altri ragazzi, non solo nella capacità di affrontare l’esame, ma anche nella capacità di andare incontro alla vita che, quotidianamente e inesorabilmente pone quasi sempre di fronte a prove inaspettate.

La scuola è vita! Avete avuto modo di sperimentarlo sin dal primo giorno d’ingresso nella Scuola dell’Infanzia; oggi concludete un percorso di studio che vi porterà ad altre scelte relative al vostro progetto di vita.

In questo progetto di vita cercate di essere sempre voi stessi, di riconoscere l’essenza con cui si nasce, ricordando quel che affermava Picasso - “…Io sono…” -  e quel che intuiva Michelangelo, secondo cui l’immagine che veniva fuori mentre scolpiva era già contenuta nel blocco di marmo.

La vita è un percorso, la nostra persona è quell'immagine fondamentale con cui nasciamo, quell’essenza che si sviluppa, che viene fuori nel tempo, unica e irripetibile.

Auguro che ognuno di voi possa realizzare la propria essenza.

Con l’augurio più grande.

                                                                                                            

                                                                                                           La vostra Dirigente

                                                                                                      prof.ssa Giuseppa Attinasi

URP

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "RAGUSA KIYOHARA PARLATORE"

Piazza Generale Euclide Turba 71, 90129 Palermo

Tel: 091486092

Fax: 091484172

pais033009@istruzione.it

PEC: pais033009@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. pais033009
Cod. Fisc. 80016820823
Fatt. Elett. UFXPXV

Privacy